Istituto di Scienze dell’Alimentazione-Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isa-Cnr)

L’Istituto di Scienze dell’Alimentazione (ISA) del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ha sede nel centro della citta’ di Avellino, in via Roma 64. E’ ospitato in un edificio articolato su otto livelli, per una superficie totale di circa 10.000 metri quadrati. I primi due livelli, ubicati al di sotto del livello stradale, ospitano attualmente gli impianti tecnologici generali, un attrezzato stabulario e l’autorimessa.

Al piano terra sono collocati il laboratorio per l’accettazione e lo screening dei pazienti, una sala conferenza, un laboratorio di bioinformatica ed il Centro di Spettrometria di Massa Proteomica e Biomolecolare (CeSMa-ProBio). Al primo e al secondo piano dello stabile si trovano trenta laboratori di ricerca muniti di strumentazioni all’avanguardia, tra cui la cucina sperimentale, la sala panel test, il laboratorio di fermentazioni, di colture cellulari, di microscopia, di biologia molecolare, di chimica organica sintetica, il laboratorio radioisotopi, la camera oscura nonche’ svariate camere fredde. Dal terzo e al quinto piano sono collocati gli studi dei ricercatori e la direzione, mentre al quinto piano vi anche una piccola foresteria.

L’ Istituto ricade nel Dipartimento di Scienze BioAgroalimentari

La sua missione e’ svolgere attività di ricerca, di valorizzazione e trasferimento tecnologico e di formazione nei seguenti settori scientifici e relativamente alle seguenti tematiche:

  • Studi sulla composizione e qualita’ nutrizionali degli alimenti;
  • Valutazione degli effetti dell’ alimentazione sulla salute umana;
  • Caratterizzazione e valorizzazione di alimenti tipici della dieta mediterranea;
  • Genomica, proteomica e bioinformatica delle scienze dell’ alimentazione.

E’ pertanto’ un istituto di ricerca multidisciplinare, che presenta competenze in diversi campi delle scienze dell’ alimentazione. I suoi obiettivi sono orientati sia all’approfondimento delle conoscenze di base nell’ambito delle scienze dell’alimentazione sia verso il settore applicativo. L’approfondimento delle conoscenze di base trova un suo naturale sbocco nella valorizzazione sia di un modello alimentare della dieta mediterranea, che è divenuto uno dei modelli ideali per il mantenimento della salute, sia di singoli alimenti tipici, con conseguenti proposte di adeguamento allo sviluppo tecnologico delle procedure produttive dell’agricoltura e dell’industria alimentare. L’intima connessione tra questi obiettivi fa si che le ricerche condotte presso l’ISA siano di grande interesse in termini di salute pubblica ed economici per il supporto soprattutto alle piccole e medie imprese del meridione, spesso ancora caratterizzata da procedure tradizionali che riducono le possibilita’ di penetrazione del mercato. In questo contesto va inquadrato anche lo studio di contenitori alimentari per i mercati nazionali nonche’ i controlli di qualita’ per il conseguimento del marchi di origine controllata per i prodotti tipici locali.

Le aree di ricerca spaziano dalla caratterizzazione del modello alimentare mediterraneo agli studi in popolazioni, dalle tecnologie alimentari propriamente dette fino al controllo di qualita’ ed alla sicurezza alimentare, mediante approcci tra i piu’ innovativi oggi disponibili. Un attrezzato centro di spettrometria di massa, tra i piu’ moderni in Europa e con competenze nel settore della genomica funzionale, della proteomica e metabolomica, si interfaccia con tutte i settori disciplinari dell’Istituto. Diversi progetti e collaborazioni internazionali collegano le tematiche di ricerca presenti nell’Istituto con analoghe ricerche condotte in altri paesi dell’Unione Europea, e non. E’ da rilevare che la gran parte delle competenze scientifiche presenti in Istituto sono uniche rispetto ad altri Istituti del CNR o Enti di Ricerca operanti in Italia nel medesimo settore.

In supporto alla ricerca, l’ISA costituisce un punto di riferimento per la formazione e l’aggiornamento in campo nutrizionale: ha infatti già fatto registrare numerosi e importanti appuntamenti, come il corso di formazione Alimentazione e Salute, il corso di aggiornamento sulle innovazioni tecnologiche nel settore agro-alimentare, il corso di aggiornamento sull’autocontrollo ambientale nelle industrie alimentari, il Master in Scienze dell’Alimentazione e Biotecnologie, il Master di alta formazione in campo Biotecnologico, ecc. Sono in corso, inoltre, progetti di educazione alimentare (progetto ARCA), piloti sul territorio nazionale, sotto l’egida della Regione Campania e con la partecipazione delle ASL locali e del Provveditorato agli Studi, volti a diffondere nelle scuole medie inferiori ed elementari la formazione di una cultura nel campo dell’alimentazione ed a prevenire l’insorgenza di malattie del ricambio (obesita’, diabete, etc.). Molto ramificati e intensi sono anche i rapporti fra l’ISA e gli Istituti di Ricerca della Campania, in particolare con le Universita’ e le Aziende Sanitarie Locali. Sono frequenti le collaborazioni con Istituti scolastici professionali per stages nei laboratori di ricerca.

l’ISA è attualmente organizzato in tre Programmi di Ricerca: FOOD, HEALTH, OMICS

Ø FOOD

FOOD dell’ISA si contraddistingue per una spiccata multidisciplinarità e per i costanti contributi allo stato dell’arte della ricerca biotecnologica del settore. Queste potenzialità trovano ampia applicazione sia nella ricerca di base che in quella industriale.

Argomenti di ricerca:

  • Qualità degli alimenti e biodiversità
  • Sviluppo di: nutraceutici, alimenti fortificati, alimenti funzionali e novel food
  • Valutazione delle proprietà biologiche e tecnologiche di componenti alimentari e microrganismi di interesse agroalimentare e salutistico
  • Metodologie innovative nei processi di trasformazione/conservazione degli alimenti
  • Nuovi sistemi di packaging di tipo attivo, smart o sostenibile
  • Valorizzazione delle produzioni territoriali e monitoraggio della filiera agro-alimentare

Metodologie applicate: chimiche, biochimiche, immunochimiche, immunologiche, microbiologiche, di biologia cellulare e molecolare, microtecnologia, analisi sensoriale, impiego di modelli in vitro (batteri e cellule eucariote) ed in vivo (murini).

  • HEALTH

Questo programma ha come scopo lo studio delle relazioni tra nutrizione, salute e patologie. Queste attività sono uniche nel CNR-DISBA.

Le principali aree di ricerca sono:

  • epidemiologia e genetica delle popolazioni (determinanti nutrizionali e genetici/epigenetici dell’obesità e di patologie correlate);
  • nutrizione e metabolismo (effetti metabolici della dieta Mediterranea);
  • meccanismi chemo-preventivi di composti fitochimici;
  • nutraceutici e cibi funzionali: approcci pre-clinici e clinici;
  • immunomorfologia.

Il programma include gruppi di ricerca interessati a patologie degenerative croniche (cancro, patologie cardiovascolari), malattie metaboliche (obesità, diabete), intolleranze alimentari.

I risultati ottenuti mediante approcci innovativi e multidisciplinari contribuiscono ad incrementare la nostra conoscenza sulle proprietà salutistiche di alcuni alimenti e fattori dietetici, una conoscenza rilevante per il benessere della popolazione umana nelle sue diverse età.

  • OMICS  

Il programma di attività OMICS svolge un ruolo trasversale ai temi di ricerca dell’Istituto e offre una avanzata piattaforma analitica aperta a collaborazioni nazionali ed internazionali, con istituzioni accademiche, organismi di ricerca e industrie. I ricercatori di questa area hanno consolidate expertise che includono:

  • sviluppo e applicazione di metodologie analitiche basate sulla spettrometria di massa per studi proteomici e metabolomici, per la caratterizzazione strutturale di proteine, peptidi, antiossidanti, lipidi, molecole volatili e altre classi di biomolecole;
  • informatica, bioinformatica, biologia computazionale, analisi e gestione dei dati, modelling e docking molecolare;
  • sviluppo di biochip ottici per la rilevazione specifica anche di tracce di sostanze di interesse per la sicurezza alimentare, la salute e la sicurezza ambientale.

L’attività di ricerca è orientata allo studio di problematiche di importanza strategica nel campo delle scienze dell’alimentazione quali le relazioni tra composizione degli alimenti e salute dell’uomo, trasformazioni e destino metabolico degli alimenti, caratterizzazione di componenti con attività biologica benefica o avversa, controllo dell’autenticità e salubrità di prodotti alimentari, e aspetti di sicurezza ambientale.

Gli studi sono anche finalizzati a fornire la base biologica e molecolare per lo sviluppo di cibi funzionali e nutraceutici.